Pasta Cacio e Pepe alla Calabrese

La pasta cacio e pepe è un piatto tipico romano, ma con piccole accortezze possiamo trasformarlo in un piatto calabrese.

I classici tonnarelli romani vengono sostituiti da tagliatelle calabresi e il pecorino romano da quello calabrese.

Ma non voglio anticiparti nulla. Ecco qui gli ingredienti e il procedimento per preparare questo piatto semplice ma gustoso!

Pasta cacio e pepe alla calabrese: gli ingredienti

Per preparare questo primo piatto calabrese gli ingredienti necessari per 4 persone sono:

400 g di tagliatelle
100 g di pecorino calabrese
Acqua q.b.
Sale q.b.
Pepe nero q.b.

Il procedimento della cacio e pepe calabrese

Per preparare la pasta cacio e pepe nella versione calabrese per prima cosa mettete occorre far bollire l’acqua per la pasta.

Intanto che l’acqua bolla, in una ciotola versate il pecorino calabrese grattugiato, una spolverata di pepe nero e aggiungere a poco a poco con un mestolo l’ acqua di cottura della pasta. Aiutati con una frusta per mescolare il composto fino ad ottenere la giusta consistenza.

Nota bene: non dovrà essere né grumoso né troppo liquido e questo si può ottenere solo versando l’acqua poco alla volta.

Pronto il condimento, non ti resta che versarlo in una padella, cuocere contemporaneamente la pasta, scolarla al dente e versarla in padella e saltarla per condirla in maniera uniforme.

Ed ecco che la vostra pasta cacio e pepe alla calabrese è pronta per essere servita!

Consigliato di terminare questo piatto calabrese con una spolverata di pepe nero e di pecorino calabrese.

Buon Appetito!

Tagliatelle al Bergamotto con Salmone & Vodka

Ingredienti per 4 persone
500 gr. di Tagliatelle al Bergamotto
60 gr. di Salmone affumicato
25 cl di Panna liquida
60 gr. di burro
1/2 bicchierino di Vodka liscia
2 cucchiai d olio extra vergine d oliva
Prezzemolo

Procedimento
Tagliare il salmone a striscioline e farlo saltare in padella con 20 g di burro per 2 minuti, unire la panna e rigirando con 1 cucchiaio di legno farla addensare a fuoco basso, quindi aggiungere la vodka continuando a rigirare fino a farla diventare una crema.

Intanto, lessare le Tagliatelle al Bergamotto in acqua leggermente salata, scolarla e versarla nella padella.
Mescolarla al condimento, unire il restante burro, rimescolare e servire subito con una spolverata di prezzemolo.

Fileja al Pesto Ligure

Volete provare una ricetta unica nel suo genere? Ecco la nostra Fileja al Pesto Ligure

Ingredienti per quattro persone
500 gr. di fileja calabresi
Parmigiano Reggiano grattugiato 50 gr.
Pecorino calabrese grattugiato 50 gr.
Pinoli 25 gr
Foglie di basilico 100
Aglio
Olio extravergine di oliva
Sale grosso

Preparazione:
Lavate e asciugate il basilico.
Pestate nel mortaio alcune foglie, aggiungendo via via le altre, in questo modo sarà più semplice sminuzzarle.
Aggiungete i pinoli, pochi alla volta, quindi uno spicchio di aglio a fettine e un pizzico di sale grosso.
Riducete in poltiglia gli ingredienti.
Unite i formaggi e mescolate bene. Versate a filo 40 g di olio, lavorando il pesto finche’ non sara’ omogeneo e di una consistenza compatta.

Portate a cottura la pasta fileja in acqua bollente salata.

Diluite il pesto con un cucchiaio di acqua di cottura per renderlo più cremoso, poi scolate la pasta e conditela con il pesto, completando a piacere con foglie di basilico intere e formaggio appena grattugiato.

Stroncatura alla Bolognese

Ecco la nostra ricetta Stroncatura alla Bolognese: quando si incontrano le cucine tradizionali di regioni diverse nasce sempre un piatto unico… Provare per credere!

Ingredienti Ragu’ di carne:

350 gr. carne di manzo macinata
250 gr. carne di maiale macinata
3 cucchiai di olio evo
1 carota
1 costa di sedano
1 cipolla
500 ml di passato di pomodoro
1/2 rametto di rosmarino
1 bicchiere di vino rosso
sale e pepe un pizzico

Preparazione:
Per preparare il ragù di carne dobbiamo partire da un soffritto composto da carote, sedano e cipolla.
Fare rosolare molto dolcemente le carote, il sedano e la cipolla, tritate finemente in una casseruola dai bordi alti con un filo di olio evo.
Quando il soffritto risulterà tenero aggiungere le due carni macinate e rosolare bene.
La carne deve rosolare almeno 20/30 minuti.
Sfumare con il vino rosso e mescolare con un mestolo di legno.
Lasciare evaporare bene.
Aggiungere il passato di pomodoro ed un bicchiere di acqua.
Aggiungere ora le spezie e mescolare accuratamente.
Lasciare cuocere il ragù per circa due ore a fuoco lento.

Preparare la stroncatura calabrese, lessandola in abbondante acqua salata ed una volta portata a cottura scolare.
Versare la stroncatura cotta in una zuppiera ed aggiungere il ragù di carne e mescolare bene.

stroncatura calabrese

Stroncatura con sugo di Totani e Piselli

Stroncatura calabrese con Grani Antichi d’Aspromonte Macinati a Pietra ==> https://bit.ly/2Pnw5mB

Per il sugo Totano e Piselli, per 2 persone:
200gr di Totani freschi
100gr di piselli
0.5 bicchiere di vino bianco
120gr di pomodorini
1/2 cipolla
Olio, Sale e pepe

Lavare e tagliare a pezzi i totani, soffriggere in una padella antiaderente olio e cipolla tagliata, appena leggermente dorata aggiungere i totani e farli soffriggere un pò.

Aggiungere il vino per sfumare, alzando la fiamma per farlo evaporare. APpena totalmente evaporato abbassare la fiamma e aggiungere i pomodori e un pizzico di sale.

Lasciare cuocere per 20 minuti e poi aggiungere i piselli, eventualmente aggiugenre un pò di acqua per far continare la cottura.

A fine cottura, verificare e aggiustare a proprio gusto sale e pepe.

Intanto avrete preparato la pasta, cuocendola in abbondante acqua salata.

Appena pronti scolare la pasta e condirla con il sugo di totali e piselli.

Pasta con la nduja ricetta calabrese

La pasta con la nduja è una tipica ricetta calabrese.

Sicuramente i fileja o maccheroni calabresi sono la pasta più utilizzata in Calabria con la nduja. Ma è possibile preparare una buona pasta con la nduja anche con altri formati.

E’ possibile preparare un buon sugo alla nduja con pomodoro o semplicemente condire la pasta con la nduja.

In entrambi i casi, la pasta va cucinata in abbondante acqua poco salata tenendo conto dei tempi di cottura propri.

Se vogliamo preparare un sugo rosso alla nduja, consiglio di preparare un buon soffritto con la cipolla da far rosolare e poi aggiungere i pomodori a pezzi o salsa. A metà cottura aggiungere qualche cucchiaio di nduja calabrese.

ATTENZIONE: La nduja è piccantissima, in base ai gusti di ognuno, è possibile aggiungere la quantità di nduja.

Finire la cottura del sugo e poi condire la pasta con il sugo alla nduja.

Se invece vogliamo preparare una pasta alla nduja in maniera più semplice e veloce, dopo aver cotto e scolato la pasta, mettere un una padella insieme a qualche cucchiaio di nduja calabrese.

La pasta diventerà rossa per il peperoncino!

Sugo al Pesce Spada

Il pesce spada (Xiphias gladius) è un pesce osseo marino, presente nelle zone temperate e quindi anche nel mar Mediterraneo.

Il pesce spada ha un corpo di forma cilindrica che si restringe nella parte posteriore. La sua caratteristica più evidente, dalla quale prende anche il nome, è la grande mascella superiore che si sviluppa a forma della tipica “spada”, piatta e tagliente, di lunghezza 1/3 del corpo.

Il pesce spada ha degli occhi grandi, il corpo è di colore da grigio piombo a brunastro sul dorso, argenteo con riflessi metallici sui fianchi e tendente al bianco sul ventre.

Il Pesce Spada è molto apprezzato per il suo sapore ma anche per le ottime proprietà nutrizionali e il modesto contenuto di grassi.

Purtroppo spesso viene sostituito con specie di minor pregio come lo Squalo Smeriglio o la Verdesca.

IMPORTANTE: Il Pesce Spada lo si riconosce per la sua carne bianca tendente al rosato con muscolatura a fibre concentriche, proprio come quelle di una cipolla, e il caratteristico muscolo rosso a “V” o con la forma di una piccola ancora.

Quindi, attenzione a non farci rifilare un prodotto per l’altro!!!

Detto questo, ti lasciamo qui un’ottima ricetta calabrese per preparare il sugo di pesce spada.

Inizia con lavare i pomodorini, tagliali in 4 parti. Prendi ora il trancio di pesce spada, elimina la pelle utilizzando un coltello dalla lama affilata e dividi il trancio a metà se dovesse risultare troppo spesso. A questo punto taglialo prima a striscioline e poi a cubetti di circa 1 cm ciascuno.

Versa dell’olio d’oliva in una padella, aggiungi la cipolla e lasciala imbiondire per un paio di minuti, poi aggiungi i pomodori.

Fai soffriggere i pomodori per un paio di minuti, aggiungi sale e capperi.

Dopo qualche minuto puoi aggiungere i cubetti di pesce spada, mescola il tutto e cuoci per 5 minuti sfumando con aceto di vino.

Se invece preferisci acquistare un sugo al pesce spada già pronto, clicca qui!

cannolo-calabrese

Cannoli Siciliani? No! Calabresi :)

I cannoli siciliani sono una delle specialità più conosciute della pasticceria italiana. Ma sicuramente anche dall’altra sponda dello Stretto cerchiamo di imitare il cannolo siciliano.

I tradizionali cannoli alla ricotta, in effetti, sono molto venduti e conosciuti anche in Calabria, soprattutto nel reggino. Ma la particolarità del prodotto che ti offriamo su ManGiaSti.it è il Cannolo Calabrese, il tradizionale involucro di pasta fritta e croccante viene farcito con un ripieno di crema di ricotta della Piana, annona di Calabria e scorzette di bergamotto di Reggio Calabria: un tripudio di colori e sapori calabresi.

Le selezionate materie prime utilizzate per la produzione dei nostri Cannoli Calabresi, rendono il prodotto un dolce stuzzicante ed appagante, adatto ai palati più esigenti.

Ma qual è il metodo che ti proponiamo per assaporare al meglio i Cannoli Calabresi?

Intanto acquistarli 🙂 Se vuoi ricevere i veri cannoli con spedizione a casa tua, CLICCA QUI

Una volta ricevuta la tua spedizione (nella scheda del prodotto troverai la data prevista di spedizione, consegna 48h) apri la confezione e troverai da una parte le cialde, dall’altra parte la ricotta e le decorazioni.

Perchè spediamo i cannoli alla ricotta in questo modo?

Semplice! La cialda assorbe facilmente l’umidità della ricotta e quindi perde la sua tipica croccantezza.

Per evitare questo spiacevole inconveniente, abbiamo preferito dividere gli ingredienti e lasciare a te il piacere di preparare degli ottimi cannoli alla ricotta a casa tua.

Preparare il cannolo calabrese è semplicissimo:

Per prima cosa, taglia la punta della sac a poche contenente la ricotta fresca, riempi le cialde, guarnisci il tutto con scorzette di bergamotto, scaglie di cioccolato o granella di nocciola, una spolverata di zucchero a velo e
e i tuoi cannoli calabresi sono pronti per essere degustati, come se fossi in pasticceria!

Ci teniamo davvero tanto a consegnare un prodotto fresco e di alta qualità, credo che ti divertirai a preparare i cannoli alla ricotta a casa tua, un simpatico giochino per avvicinare grandi e piccini alla tradizionale pasticceria calabrese.

Vuoi acquistare i veri cannoli siciliani online? No! Meglio i nostri cannoli calabresi 🙂

CLICCA QUI E ACQUISTA IN TUTTA SICUREZZA

pomodori-secchi

Pomodori secchi alla calabrese

Pomodori secchi sott’olio alla calabrese (I pumadoru sicchi)

Dal sapore indimenticabile per chiunque li abbia mai assaggiati, i pumadoru sicchi alla calabrese hanno il tipico sapore mediterraneo. La ricetta dei pomodori secchi conserva, anzi esalta, le virtù del pomodoro.

La ricetta calabrese si può preparare anche adesso, utilizzando pomodori ben maturi ma sodi; in genere raccolti tra luglio e agosto. I pomodori vanno lavati e asciugati e poi tagliati a metà lasciando le due parti attaccate tra loro per circa due centimetri.

Vanno poi sistemati con la parte interna verso l’alto su tavole di legno, cosparsi di sale e posizionati a seccare al sole, rigirandoli spesso. E’ consigliabile, ogni sera, lasciarli al chiuso e ogni tre o quattro giorni di salarli nuovamente. Dopo qualche settimana i pomodori avranno perso tutta l’umidità e saranno pronti per l’uso.

E’ possibile anche acquistare i pomodori secchi già pronti.

I pomodori secchi alla calabrese sono ottimi con del buon pane casereccio, ottimi sia come aperitivo che da antipasto o contorno, preferibilmente accompagnati da buon vino rosso.

INGREDIENTI
pomodori secchi
olio extravergine d’oliva
aglio
origano
basilico
peperoncino fresco

Iniziate la ricetta, prendendo un barattolo in vetro da conserve, ben pulito e asciutto e abbastanza largo da infilarci una mano. Versate dell’olio, mettete uno strato di pomodori, premete bene con il pugno di una mano, un altro strato di pomodori, un filo d’olio e così via fino all’ultimo strato, sempre premendo sui pomodori in modo da far uscire tutta l’aria.

Coprite i pomodori con l’olio, aggiungete, l’aglio e il peperoncino, coprite con un pressino, chiudete bene il barattolo e conservatelo al buio in luogo fresco almeno un mese, controllando di tanto in tanto e aggiungendo dell’altro olio se è necessario.

Vuoi acquistare i veri pomodori secchi alla calabrese? CLICCA QUI!!!

CalabriaBox Paccheri Piccanti con Guanciale

CalabriaBox Paccheri Piccanti con Guanciale

Vuoi preparare una ricetta tradizionale calabrese in modo facile e veloce? Bene, affidati a CalabriaBox e cucina come uno chef a casa tua con ingredienti calabresi già dosati!

Con la CalabriaBox Paccheri Piccanti con Guanciale potrai cucinare una ricetta sfiziosa da condividere con chi vuoi tu.

INGREDIENTI

80gr paccheri bio senatore cappelli
30gr guanciale
2 cucchiai di crema di peperoncino
10ml olio extravergine di oliva calabrese
20 gr ricotta salata
sale qb
pepe qb