Lenticchie a Capodanno – Ricetta Calabrese

Lenticchie e cotechino un piatto tipico del nord italia che ha ormai invaso le tavole calabresi durante il cenone di Capodanno!

Le lenticchie a capodanno sono considerate di buon auspicio per iniziare il nuovo anno.

Per preparare le lenticchie per il cenone di capodanno, noi abbiamo utilizzato delle ottime lenticchie calabresi coltivate in maniera naturale in provincia di Cosenza.

Un’antica varietà calabrese del legume creduta estinta è stata ritrovata e da qualche anno è tornata a deliziare i palati con le sue ricette squisite.

Come avveniva in passato, anche oggi la coltivazione della lenticchia di Calabria non prevede l’utilizzo di trattamenti, concimi e diserbanti chimici. Per quanto riguarda la raccolta, una volta raccolte, le piantine vengono separate dalle erbacce e riunite in covoni per poi essere battute per separare i semi dal baccello (operazione che un tempo prendeva il nome di pesautra).

Le lenticchie calabresi così ottenute vengono, quindi, sottoposte a pulitura prima mediante passaggio al setaccio per isolare i corpi estranei, e poi attraverso selezione manuale per eliminare anche eventuali impurità residue.

Mangiare le lenticchie a capodanno è ormai tradizione anche in Calabria: le lenticchie vanno consumate la notte di San Silvestro come augurio di fortuna e prosperità per l’anno nuovo.

Le origini di questa credenza risalgono all’antica Roma. Gli antichi romani, per augurare fortuna, regalavano la “scarsella” cioè una piccola borsa di cuoio che conteneva delle lenticchie, con l’augurio che si trasformassero in monete d’oro.

Perché proprio le lenticchie? Perché la loro forma tonda ricorda proprio quella delle monete. Questi legumi inoltre, da cucinati, aumentano considerevolmente di dimensione, rievocando quindi l’idea dell’abbondanza e della prosperità.

Cotechino e Lenticchie per Capodanno – Ricetta Calabrese

Ingredienti per 4 persone:

  • 300 g di lenticchie
  • 1 cotechino precotto da 500 g
  • sale

Procedimento:

  1. Lasciare un’oretta le lenticchie in ammollo, sciacquarle sotto acqua corrente e farle sgocciolare.
  2. In una pentola alta aggiungere le lenticchie, ricoprirle di acqua fredda  e farle cuocere a fuoco medio fino a che saranno tenere ma non sfatte, circa 40 minuti. Non salare.
  3. Cuocere il cotechino seguendo le istruzioni riportate sulla confezione: in una pentola capiente sistemare il cotechino con tutta la busta e coprirlo con acqua fredda. Portare ad ebollizione e far cuocere per circa 15 minuti. Trascorso il tempo, togliere il cotechino dall’acqua, tagliare la busta e conservare qualche mestolo del suo liquido.
  4. In una teglia da forno adagiare il cotechino tagliato a fette dello spessore desiderato e sistemare intorno le lenticchie prese con un mestolo forato per sgocciolarle un po’ dall’acqua di cottura. Condire il tutto con qualche mestolo del brodo caldo di cottura del cotechino, servirà a dare sapore al tutto. Regolate di sale ( assaggiare prima, il brodo è già salato).
  5. In forno a 180°C per circa 15/20 minuti, giusto il tempo di insaporire le lenticchie.
  6. Servire caldo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *